Please follow and like us: 0

Please follow and like us:
0

Materiali in pet: ecologia del terzo millennio

Please follow and like us: 0

Please follow and like us:
0

Wellness Scalp tanta informazione

Please follow and like us: 0

Please follow and like us:
0

Dopo l’estate capelli ancora più lucidi!

Please follow and like us: 0

Please follow and like us:
0
,

Arredamento creato intorno a te.

Amiamo arredare non occupare dello spazio!

Non sono d’accordo io vorrei sapere chi sei e cosa vuoi comunicare.
Appena la tua cliente entra nel tuo negozio, tu comunichi lei chi sei e come lavori, certo non è una comunicazione consapevole, ma a lei arriva già il tuo messaggio.
Gli spazi, il colore, le forme, i materiali sono dettagli che esprimono la tua personalità.
Mi piace costruire il negozio intorno a te!

Pensa che meraviglia poter sentire le tue clienti, dire che tutto l’ambiente del tuo negozio, esprime la tua personalità!
Il poter essere differente dai negozi vicino a te è importante per mostrare al tua unicità.

Vengo a trovarti nel tuo negozio, e insieme a te cerchiamo di capire quale è il tuo tipo di clientela, come lavori, l’esperienza che vuoi far vivere alla tua cliente quando sosta nel tuo negozio.
Dal primo giorno che entrerai nel tuo negozio, ti renderai conto che la tua comunicazione sarà diversa, perchè l’arredamento avrà già chiarito chi sei e come vuoi che si sentano le tue clienti da te!
Ogni giorno riceverai complimenti e in giro si parlerà di te.
Tutti i miei clienti dicono se subito dopo aver fatto il negozio, i loro incassi sono aumentati.

Mi capita di vedere pubblicità dove i miei concorrenti dopo aver ricevuto i dati sui m. quadrati del tuo negozio, offrono il preventivo gratuito.
Io non lavoro così, perchè la cosa importante per me è conoscerti, capire chi sei, come lavori e cosa vuoi comunicare.

I particolari fanno la differenza!

Se sei una persona che ama lavorare con prodotti naturali, certo non lo comunichi con un arredamento dove la plastica la fa da padrona.

Se ami dare un servizio dove la tua cliente sosta a lungo nel tuo negozio, certo ti consiglierei tinte tenui.
Se hai una clientela prettamente giovane, spazi aperti e colori vivaci, sarebbero l’ideale.

Please follow and like us:
0

Storia della permanente

Uno dei primi metodi di ondulazione permanente è stato quello usato al tempo di Luigi XIV di Francia, noto come “frisure infernale” (“hell’s own curls”) che potremmo tradurre “ riccioli del diavolo”, che si facevano sulle parrucche. Le ciocche venivano arrotolate su cilindri di terracotta, tenute in acqua bollente per 3 ore, “cotte” e asciugate in forno. Fu solo nel 1906 che le prime onde furono fatte su una testa umana da un parrucchiere di Londra con ascendenti tedeschi, chiamato Nestlè ( il suo vero nome era Nessler). Queste onde “resistevano all’acqua, al lavaggio, e a tutte le influenze atmosferiche”. Egli imbeveva le ciocche di capelli nel borace, le arrotolava su bigodini metallici, le metteva in un riscaldatore, un vero e proprio forno elettrico portato a 145-150°C. Un brano dalla umoristica descrizione di Hillier dell’intera operazione è illuminante: “Ci vuole un giorno intero per fare la permanente… Le donne si raccontavano a vicenda le rispettive ustioni…Gli scaldatori sono così pesanti che in una volta si possono fare solo pochi riccioli…E’ stato necessario colpirli col martello per farli allentare…Il parrucchiere può usare uno schiaccianoci…Talvolta i capelli vengono via insieme al tampone…” Non c’è dubbio che fosse complicato, fastidioso e talvolta doloroso. Ma era anche il passo decisivo, la scoperta che si può ottenere una deformazione permanente del capello con l’uso di certi prodotti chimici e del calore. Il sistema di Nessler fu perfezionato nel corso dei successivi 30 anni. Le attrezzature furono semplificate ed il riscaldamento diretto fu sostituito dal riscaldamento indiretto (usando bigodini preriscaldati su barre) ma i primi prodotti per la permanente a freddo, basati dall’uso di solfiti, apparvero solo intorno al 1930-1935 e con questi si aprì una nuova era per i parrucchieri . Nel 1940 venne concesso il primo brevetto per l’uso dei tioli (mercaptani) nella permanente a freddo e questo coincise con l’inizio dei primi veri programmi di ricerca nei laboratori cosmetici. Oggi i prodotti ed i metodi per la permanente sono sviluppati sulla base di precisi dati biologici , fisici e chimici. Questo volume è un altro esempio degli auspicati ponti di collegamento fra dermatologia scientifica e cosmetologia scientifica ed empirica nel settore capelli per gestire al meglio una materia che ha implicazioni oltrechè psico-sociali, economiche, industriali, commerciali e giuridiche

QUESTO E’ LO SPIRITO DELLA S.I.TRI.®

ANDREA MARLIANI PRESIDENTE FONDATORE DELLA SOCIETA’ ITALIANA DI TRICOLOGIA SITRI.

Inviaci un messaggio

 

Please follow and like us:
0

Come Avere Capelli Ricci Perfetti!

Lo stile dei capelli ricci, andrà per la maggiore nel corso dei prossimi mesi. Richiamerà in maniera piuttosto incisiva gli anni 70. Uno dei look proposti sulle passerelle della fashion week è stato ” ricci a tutto volume effetto bagnato”. Questo hair style che sa di estate, di vacanze, di chiome da sirena. Per ottenere questo look basta spruzzare sui capelli umidi uno spray salato, l’ottimo BED HEAD BEACH BOUND. Qui sotto potete trovare la fantastica e utilissima miniguida della TIGI che consiglia, a seconda dello stile desiderato, il mix di prodotti da usare.

Ricordatevi che la donna con  i capelli ricci è disposta a spendere pur di averli perfetti senza  crespo, morbidi, lucidi.A patto che il parrucchiere sappia consigliarle il prodotto adatto!

 

eye_giugno luglio 2017 (ricci)
Please follow and like us:
0